ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI VERONA

Accoglimenti

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Come fare per
Home Page » Come fare per » Accoglimenti
Accoglimenti

Centri Residenziali per non autosufficienti.

Le modalità di accesso nei Centri Residenziali per anziani non autosufficienti sono stabilite dalla Regione Veneto ed in particolare dal “Regolamento e Linee Guida per i servizi a favore dei cittadini anziani non autosufficienti dell’Azienda U.L.S.S. N. 9 Scaligera”.

L’inserimento nelle liste di attesa, per i Centri suddetti, viene effettuato attraverso l’Unità Operativa Distrettuale (formata, di norma, dal medico di famiglia, dall’assistente sociale di zona e dal Responsabile di Distretto) se la persona è al proprio domicilio, o attraverso l’Unità Operativa geriatrica ospedaliera se la persona è degente in Ospedale. Detta valutazione, denominata SVAMA, attesta il grado di non autosufficienza della persona e determina la priorità nell’accoglimento.

Al fine di attivare tale valutazione, è necessario rivolgersi sempre al Distretto Socio-Sanitario di appartenenza dell’interessato.

La gestione della graduatoria e l’emissione dell’impegnativa di residenzialità è di pertinenza dell’U.AR. (Ufficio Assistenza Residenziale) dell’U.L.S.S. N. 9 secondo i regolamenti approvati dalla medesima Azienda U.L.S.S. N. 9.

In attesa dell’emissione dell’impegnativa di residenzialità, l’utente può essere accolto ,in regime privato ,con retta totale  a proprio carico stabilita annualmente dall’Ente per questa tipologia di accoglimento.



Centri Residenziali per autosufficienti

L’ingresso nei Centri per autosufficienti è subordinato ad una valutazione da parte dell’Istituto delle condizioni del richiedente al fine di accertare lo stato di autosufficienza e sulla base della documentazione fornita dal medico curante.



Documentazione dell'interessato da allegare alla domanda

1) Fotocopia della tessera sanitaria ed eventuali esenzioni sanitarie
2) Fotocopia del codice fiscale
3) Fotocopia del verbale d’invalidità (se in possesso) oppure fotocopia della domanda d’invalidità
4) Fotocopia del documento d’identità e codice fiscale dell’impegnato al pagamento
5) Documentazione medica aggiornata.

In sostituzione dei documenti richiesti può essere presentata dai familiari dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante: numero tessera sanitaria, U.L.S..S. e distretto di appartenenza, numero di codice fiscale, dati personali, riconoscimento dell’invalidità.
 

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -
Il progetto ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI VERONA è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it